martedì 22 dicembre 2009

AUGURI!



Troppo presa da mille impegni e ancora con una cucina inagibile non ho la possibilità di aggiornare il blog allora vi lascio solo i miei auguri. 
Che possiate passare il Santo Natale in serenità con chi più vi ama e che il prossimo anno vi porti tranquillità e gioia. A presto Cristina 

(L'animazione è opera della mia mamma che con photoshop è un genio!)

martedì 15 dicembre 2009

Favola di Natale - involtini di pollo




Ce l'abbiamo fatta, finalmente siamo entrati nella casetta del Villaggio del pescatore da 'padroni di casa'.
In quattro giorni siamo riusciti a traslocare (grazie Gianluca e Matteo che ci avete aiutato tantissimo), pulire l'appartamento (e consegnato le chiavi ai nuovi proprietari)  e iniziato i lavori di rimodernamento.
Nel frattempo a Trieste è arrivata la bora e anche una spruzzata di nevischio ma per fortuna, grazie all'ospitalità di mia madre stiamo al calduccio almeno per dormire e riposarci un pò dopo i giorni faticosi che stiamo vivendo.
Mi sono resa conto che è tanto che non posto delle ricette ma è ovvio, adesso non ho una MIA cucina dove pasticciare e non ho nemmeno tanto tempo per farlo anche se volessi.
Ho rispolverato una vecchia ricetta degli involtini di pollo che ho fatto un pò di tempo fa che io ho trovato molto buoni e mio marito li ha definiti addirittura 'appetitosi' , proprio lui che odia il petto di pollo!




Eccoli, ho preso un petto di pollo di piccole dimensioni, l'ho diviso in due e per ogni parte ne ho ricavato una fetta intera. Ho spolverato ogni fetta con delle spezie piccanti (paprika, peperoncino, rosmarino e salvia polverizzati) e sale, ho spalmato un pugno di spinaci lessati e appoggiato un wuster al formaggio al centro,



a questo punto l'ho arrotolata su se stessa e fissata con uno stuzzicadente.
 

I due involtini ottenuti li ho rosolati a fuoco alto in una padella con poco olio EVO e del trito sedano/cipolla/carota poi ho abbassato il fuoco e coperto. Ho lasciato cuocere per una decina di minuti e poi ho aggiunto delle patate pelate e tagliate a pezzi mediamente grandi. Ho spolverato anche le patate con sale e spezie, ho messo un paio di cucchiai di acqua e coperto.



Ho cotto per venti minuti il tutto, a fuoco medio, mescolando con delicatezza ogni tanto.
Tolto dal fuoco ho eliminato lo stuzzicadenti e affettato i due arrostini presentandoli poi con il contorno delle patate ben rosolate.



E adesso la Favola di Natale...

C'era una volta una ragazza che, raggiunta l'età 'da matrimonio', aveva visto tutte le sue amiche trovare un bravo ragazzo, sposarsi, cambiare casa e poi parlare tra loro di mariti un pò pigroni, case da arredare, bimbi da accudire... ma lei nulla. Mentre gli anni passavano lei si era dedicata a d altre cose, hobbies, passioni, occasionali amori e si era ormai abituata all'idea di non riuscire a realizzare il desiderio di essere come le sue amiche, sposata e 'regina della casa'. Proprio quando si era convinta che la vita da single era proprio quello che faceva per lei ecco arrivare LUI, un uomo meraviglioso, dolce, buono, gentile... in meno di quattro anni si ritrovò sposata, e alle prese con un trasloco. Lei e il suo dolce sposo avevano saputo che era stata messa in vendita una deliziosa casetta in un villaggio di pescatori e appena vista si erano convinti che quella doveva essere il loro nido d'amore, lei sentiva già il profumo dei meravigliosi biscotti che avrebbe sfornato nella piccola ma confortevole cucina e lui aveva già in mente come rendere il giardinetto ora un pò spoglio in un bel giardinetto per accogliere gli amici.
Dopo innumerevoli difficoltà durate quasi 6 mesi, appena ricevute le chiavi della casetta si catapultarono al Villaggio per fare i primi passi da 'padroni di casa' nella loro dimora. Ogni stanza spoglia e fredda davanti ai loro occhi diventava ora un salotto caldo con un comodo divano, ora una cucina accogliente e profumata, ora una camera matrimoniale con deliziose tendine bianche.. insomma col pensiero vedevano realizzati i loro sogni.
In realtà la casetta aveva molto bisogno di manutenzione, l'età e la poca cura dei precedenti proprietari l'avevano imbruttita ma i due sposini non si erano persi d'animo e avevano iniziato il trasloco e contemporaneamente i lavori di rimodernamento.
Ci vollero tre interi giorni massacranti per completare il trasloco, anche grazie a due cari amici che prestarono loro aiuto, il quarto giorno si svegliarono straniti nel lettone della madre di lei che aveva generosamente offerto loro ospitalità fino alla fine dei lavori. Guardarono fuori dalla finestra e con gran stupore videro che nevicava. Si resero conto della grande fortuna che avevano avuto, fare un trasloco sotto la neve avrebbe complicato davvero tutto. Lei pensò che quest'anno forse avrebbero passato un 'bianco' Natale e sentì il bisogno di rendere la loro casetta, seppur ancora disabitata, pronta a festeggiarlo degnamente.
Allora si recò in un negozio e comprò un semplice addobbo, un filo di metallo dorato modellato a forma di abete decorato molto bene. Insieme al suo sposo lo appeserò al portoncino d'entrata della loro casetta.
I due sposini si sorrisero pensando che quest'anno sarebbe stato proprio un felice Natale.