venerdì 10 dicembre 2010

Le ricette della tradizione - Tripe a la triestina


Ovvero 'Trippe alla Triestina'
Uno dei piatti che più mi piacciono della tradizione gastronomica triestina.
Ieri aspettavo l'autobus sotto la pioggia e per ripararmi un pò sono entrata in un edicola/tabaccaio. Ho preso il quotidiano locale e per puro caso in allegato c'era un volumetto intitolato 'La cucina nella tradizione'.
Poi ho scoperto che fa parte di una 'collana' di volumi dedicati agli usi e tradizioni della mia bella città, Trieste. Peccato non averlo saputo prima, li avrei di certo presi tutti.

La ricetta delle trippe è riportata in maniera molto 'stringata' del resto la preparazione è davvero semplicissima, ve la riporto così com'è sul libricino:

'Le trippe del tipo 'doppioni' preventivamente messe a bollire per un quarto d'ora, vengono tagliate a strisce sottili e stufate molto lentamente con salsa di pomodoro, cipolla, poca carota, 5 chiodi di garofano ed una foglia di alloro. 
Le trippe vanno condite con abbondante parmigiano grattugiato e si accompagnano perfettamente alla polenta di granoturco.'

Ebbene nella ricetta che invece mi ha insegnato mia madre e a sua volta insegnatale da mia nonna, non compaiono alloro e chiodi di garofano bensì un  trito di aglio e prezzemolo. Credo che sia la classica 'variante personale' che ogni famiglia applica alle ricette tradizionali.

Per circa 4 porzioni io ho preso
- un kg di trippa mista precotta
- una scatola di pomodoro a pezzi
- una cipollina
- una carota
- una costa di sedano
- un spicchio di aglio
- un bel mazzetto di prezzemolo
- olio EVO
- sale

Ho fatto il solito soffritto con cipolla, sedano e carota in olio EVO.


Ho aggiunto le trippe e le ho fatte stufare un pò, ho salato,


ho aggiunto la scatola di pomodoro e mezzo bicchiere di acqua.


Ho fatto cuocere coperto a fuoco lento per più di un ora, dovete assaggiare un pezzetto di trippa per capire se è morbida abbastanza o se bisogna prolungare la cottura.
A fine cottura ho aggiunto il trito di aglio e prezzemolo e ho lasciato insaporire per qualche minuto prima di spegnare il fuoco, controllate anche la 'densità' del sugo, non deve rimanere 'brodoso' ma piuttosto denso e morbido.
Nel frattempo ho cotto una bella polenta gialla.
Ho impiattato aggiungendo abbondante formaggio grattugiato. Sono buonissime!


Con questa ricetta partecipo alla raccolta di Natalia e Pina del blog 'Provare per gustare'

12 commenti:

  1. Buone le trippe!! Anche mia mamma ci mette prezzemolo e aglio ...mandamene un piattino è da tanto che non le faccio...mio marito non le apprezza ...non sa cosa si perde!!Buon fine settimana un bacione

    RispondiElimina
  2. Certo Gabri un piatto di trippe non si nega a nessuno! un abbraccio e buon week end Kri

    RispondiElimina
  3. Amo la trippa...mi segno sta maniera per gustarla!!! chissà che bontà!

    RispondiElimina
  4. Anche a me piace molto la trippa ora che ci penso è un secolo che non la preparo, ma questa versione non l'avevon proprio mai provata! Grazie per aver rispolvarato le tradizioni!!

    RispondiElimina
  5. @terry
    Guarda io la trovo gustosissima così, è anche semplice e ti dirò di più, se usi la pentola a pressione è anche una preparazione veloce, io non la uso ma è una scelta personale :) ciao Kri
    @Anastasia
    Con questo freddo un bel piatto di trippa è l'ideale, provala e vedrai che ho ragione, baci Kris

    RispondiElimina
  6. Trippe, si trippe, quanto mi piacciono, buona domenica carissima :-)

    RispondiElimina
  7. @accantoalcamino
    Anche a me piacciono tantissimo, buona domenica anche a te. Kri

    RispondiElimina
  8. Ecco non so se conosci Pintarest, è una specie di bacheca virtuale dove poi raccogliere foto, idee e ricette che ti piacciono e condividere con altri.
    Io ho appena "pinnato" la tua ricetta!
    Spero che non ti dispiaccia.
    Baciusss
    brii

    RispondiElimina
  9. Gabriiiii!! vengo pure io della Kristina a mangiae le trippeeeeeeeeeeeeeeeeeeee.....Kristina volevo sapere, ma le patate taglliate a cubi, non vanno messe nelle trippe? Ringrazio..ciaooooooo..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, questa è la ricetta di mia nonna e siccome lei le serviva con la polenta non metteva patate. Nessuno ti impedisce di metterle. viene un bel piatto sostanzioso! Buon appetito :)

      Elimina
    2. sig.cristina a vederti cosi' non mi sembri tanto felice del tuo stato esistenziale cucini x ingannare il tempo'?

      Elimina