venerdì 26 febbraio 2010

Il Blob - Biscottini di sfoglia


Prima di parlarvi dei biscottini più semplici e veloci da fare del mondo vorrei parlarvi del Blob.
Il Blob, la Creatura, la mia Bimba.. insomma la Pasta Madre! Da una settimana ci pensavo, voglio provare a fare la pasta madre (o lievito madre, o lievito naturale), Il procedimento è semplice ma abbisogna di infinite cure, inanzitutto la temperatura giusta, e poi il tempo di maturazione, luuuuungo!

La ricetta, se così si può chiamare, l'ho cercata in rete trovando infiniti blog e siti culinari da dove attingere, sembra che avere un blob di pasta madre in frigo da far crescere e maturare sia un banco di prova per tutti quelli che amano cucinare e vogliono affinare le loro capacità culinare.

Io comunque ho preso un pò qui e un pò là e ho sviluppato il mio primo blob,
250 gr di farina manitoba
1 dl acqua minerale tiepida
1 cucchiaio di miele
Ho impastato bene finchè si è formato un panetto molle, ho unto appena appena una terrina di vetro e adagiato il blob dentro, ho coperto con della pellicola senza pvc facendola aderire alla superfice (per evitare che si formi la crosta) Ho avvolto in un canovaccio pulito la terrina e poi l'ho infilata letteralmente in una mia vecchia maglia di pigiama. Ho cercato un posto adatto dove potesse starsene al calduccio senza sbalzi di temperatura e colpi d'aria e l'ho trovato in un angolino in alto del pensile vicino al termosifone dove ci stà giusto giusto. Gli ho messo accanto una bella mela profumata e ho chiuso l'armadietto.
dopo 24 ore ho fatto il primo rinfresco, la pasta non sembrava molto viva però io mi sono intestardita e ho voluto dargli una possibilità, ho preso 200 gr di farina, 250 gr del blob e 1,2 dl di acqua tiepida e l'ho reimpastato. Ho rifatto la procedura olio/pellicola/strofinaccio/maglione e rimessa a riposare, dopo 24 ore l'ho ripresa e sfiduciata ho iniziato a togliere il maglione.. strano lo strofinaccio stà troppo teso... guardo e MIRACOLO! è triplicataaa, è cresciuta la piccolina è piena di buchetti e bollicine, quando ho tolto la pellicola il profumo lievemente acido mi ha intenerito... che bello!!! allora gli ho fatto un altro rinfreschino e domani mattina presto devo vedere come stà!
E' vero che per usarla nella panificazione dovrò attendere almeno una decina di rinfreschi ma sogno già fragranti pani profumati senza retrogusto di lievito di birra... gnammmmm!
Per finire il discorso PM devo dire che quando si starà stabilizzata, tra tre o quattro rinfreschini inizierò con i normali rinfreschi, ogni due giorni se resta a temperatura ambiente o ogni cinque giorni se viene messa in frigo.
Per la panificazione si usa un terzo di PM e due terzi di farina indicata nella ricetta che dovete realizzare. Prima di usarla dovete rinfrescarla, cioè prendete il blob, rinfrescarlo tutto senza buttare la pasta in eccesso, lasciare riprendere la maturazione per circa 4 ore e poi togliere la quantità desiderata.
Spero di aver letto tutto giusto, ancora adesso ogni tanto mi viene qualche dubbio e mi vado a cercare le risposte nel web.
E dal procedimento più lungo a quello più breve!
Per i biscottini di sfoglia prendete due rotoli di sfoglia surgelata, lasciatela scongelare, srotolate un rotolo, spalmatelo di marmellata del vostro gusto preferito (io ho usato quella ai fichi fatta da mia madre)


ricopritela con un l'altra sfoglia a mò di sandwich. Bucherellate la superfice con una forchetta.


 Appiattite con delicatezza con il mattarello e spalmate anche la superfice di marmellata, tagliate il 'sandwich' di sfoglia a griglia.


Prendete i bastoncini formatisi e arrotolateli su se stessi, cuocete a 180 finchè sono gonfi e colorati.


Voilà!

sabato 20 febbraio 2010

Evviva il festival!!! - Paccheri al radicchio rosso


Stò scrivendo durante la serata finale del Festival di San Remo quest'anno condotto dalla donna di spettacolo che più mi piace, Antonella Clerici. Bella, simpatica, buffa, morbida, le critiche le scivolano addosso... insomma mi piace, si è capito??
Per ora ancora non hanno proclamato il vincitore, io tifo per Marco Mengoni e Povia, chissà...
Quest'anno mi è piaciuto il festival, sobrio e tranquillo, non volgare. Tra gli ospiti internazionali ho adorato la performance di Dita von Teese anche quella di Jennifer Lopez. Tra i cantanti in gara mi son piaciute praticamente tutte le canzoni, proprio bello il festival pieno di ragazzi giovani e bella musica!
In attesa di sapere chi ha vinto intanto vado con la ricetta!

Vi ricordate il mega pacco di cose buone che ho ricevuto per Natale da mia cognata?? Dentro c'erano questi...


E allora ecco che mi è partita l'idea, ho preso il radicchio rosso e la ricotta, due dei miei ingredienti preferiti, e ne ho fatto un morbido ripieno, ma andiamo con calma.
Ho fatto soffriggere un paio di scalogni tritati in poco olio EVO,


Poi ho aggiunto due cespi di radicchio rosso lavato e tagliato a striscette. L'ho fatto appassire e insaporire.

 

Nel frattempo ho mescolato la ricotta con un bel pò di parmigiano grattuggiato, sale e pepe.

Il radicchio l'ho frullato grossolanamente e l'ho aggiunto alla miscela di ricotta.

Nel frattempo ho lessato i paccheri in acqua bollente con un paio di cucchiai di olio per evitare che si appiccichino tra loro.


Ho usato la sparabiscotti con bocchetta liscia per riempire i paccheri con la miscela di ricotta e radicchio,

 

Eccoli ben schierati in una pirofila da forno unta appena appena.

 
Li ho ricoperti di un velo di panna e spolverizzati con abbondante formaggio parmigiano grattuggiato


Un quarto d'ora in forno col grill per gratinare ben bene e.....voilaaaaaà


Sono buonissimi! e se volete potete sostituire il radicchio con altre verdure come broccoli, spinaci... insomma a piacere.
Buon appetito e buon Festival!

mercoledì 3 febbraio 2010

Fallimento?? - biscottini alla farina di castagne


 Quest'anno per Natale ho ricevuto tanti regali da usare nella casa nuova, tovaglie, completi per macedonia, contenitori per microonde... ma il regalo più gradito me lo ha fatto mia cognata, guardate che meraviglia!


In questo mega cesto ho trovato un sacco di cose buone, o meglio ingredienti per cucinare cose buone, farine varie, canditi, zuccherini per decorare, cocco, zucchero vanigliato, uvette, aromi, insomma un sacco di cose golose.

Ho trovato anche un sacchetto di farina di castagne che mi ha solleticato la fantasia.... che farci? un castagnaccio? un dolcetto? dei biscottini?
 

Vada per questi ultimi, e così ho impastato dei frollini, cogliendo l'occasione di utilizzare anche i nuovi tagliabiscotti che ho comprato per Natale e che poi non ho usato (ricordate? non avevo la cucina... :D )
Intanto, gli ingredienti:
100 gr farina bianca
200 gr farina di castagne
200 gr burro
100 gr zucchero, meglio sarebbe a velo ma anche semolato va bene
un uovo e un tuorlo
un pizzico di sale
una manciata di mandorle pelate

Ho impastato tutti gli ingredienti nel mixer velocemente finchè l'impasto ha 'sbriciolato' poi ho raccolto tutto in una palla, avvolto nel cellophane e messo nel frigo per una mezzoretta.



Ho ripreso l'impasto e steso alla solita altezza da frollino poi l'ho tagliato con le formine, ok non ridete ho fatto stelle, abeti e angioletti ma erano formine di Natale

 

Su qualche biscottino ho messo delle mandorle e dei canditi all'arancia come decorazione.
Infornato a circa 200 gradi per 15 minuti ma come al solito controllate sempre la doratura, devono venire ben colorati ma non bruciati (a me i più piccoli si sono colorati troppo come vedrete).

Ed eccoli! carini simpatici e pure buoni!

Mia madre ne ha mangiati un paio e ha esclamato BUONI!
Mio marito ne ha mangiati 5 e ha esclamato BUONI!
Io ne ho mangiati un pò e mi sembravano BUONI!

...e allora perchè dopo una settimana li ho ancora tutti nella biscottiera???????