domenica 8 gennaio 2012

WHB #315 - Spezzatino di maiale e verze in cocotte con coperta di patate


Sottotitolo: 'Viva l'epifania che tutte le feste si porta via'
E in effetti l'ultima festa per me è stata proprio il 6 gennaio, con l'accensione del 'Pignarul' al Villaggio del pescatore.


Infatti quest'anno mi sono divertita a partecipare alle iniziative Natalizia del Villaggio del pescatore a cominciare con l'addobbo dell'albero della piazza...


Finendo poi con il preparare assieme alla mia cara amica Marisa, 'la vecia' da bruciare il 6 gennaio.


(quale sono io e quale è la vecia???)


Il 'Pignarul' ha un significato di purificazione e di rinascita, viene costruito con rami e legna che provengono dalle vicine campagne e boschi, questa è un attività che viene svolta da tutti gli uomini della comunità mentre le donne si dedicano a cucinare dolci e preparare vivande che offriranno nel momento della festa. In cima alla pira viene posto un fantoccio che qualcuno tende a identificare come 'la befana' ma in realtà rappresenta una persona vecchia di solito donna ma in alcuni paesi ha sembianze maschili, questa 'vecia' rappresenta appunto il vecchio anno che viene bruciato con un falò purificatore ma anche il ciclo riproduttivo della terra, l'inizio del nuovo anno agricolo.


Cosa importante è la direzione che prende il fumo levandosi dalla pira, a questo proposito vi cito una in friulano:

 'se il fum al va a soreli jevât, 
cjape su il sac e va al marcjât;
 se il fum al va a soreli a mont,
 cjape su il sac e va pal mont'

cioè: se il fumo va verso dove si leva il sole (est) prendi il sacco e va al mercato (ci sarà cibo perchè l'anno sarà propizio) se il fumo va verso dove il sole tramonta (ovest) prendi il sacco e vai per il mondo (emigra perchè non ci sarà lavoro)

La nostra festa è riuscita benissimo,il pomeriggio presto c'è stato un momento dedicato ai bambini con i clown e una esibizione di danza. Più tardi, attorno al falò si è radunata tanta gente e tanti bimbi emozionati e affascinati dal fuoco. I dolci, la cioccolata calda e il vin brulè hanno avuto un successone data anche la serata piuttosto freddina. 
Sono proprio felice che sia andato tutto bene e per il prossimo anno ci organizzeremo ancora meglio!


Cambiando discorso vorrei salutare e abbracciare la cara Brii che ha 'riaperto' i battenti del  Weekend Herb Blogging dopo la pausa festiva. Non potevo certo mancare anche se non sono riuscita a cucinare nulla di adatto. Spulciando i miei vecchi post, però, ho trovato un 'confort food' adattissimo all'occasione quindi vi ripropongo la ricetta dello:
'Spezzatino di maiale e verze in cocotte con coperta di patate'


Per due porzioni abbondanti prendete:

450 gr di polpa di maiale
1 piccola cipolla dorata
1 verza piccola o mezza grande
2 patate grandi
uno spicchio di aglio
una grossa manciata di formaggio grattugiato
mezzo bicchiere di vino rosso
sale, pepe, olio EVO

Per prima cosa lessate per 15 minuti le patate, scolatele, pelatele e tagliatele a fette di circa mezzo centimetro, nel frattempo tagliate a rondelle la cipolla e fatela appassire nell'olio EVO per qualche minuto.


Tagliate la carne a dadini di circa 2 centimetri di lato.


Lavate, sgrondate e tagliate a striscioline la verza. Badate di togliere le nervature più dure delle foglie.


Aggiungete la carne nella padella con la cipolla, fate insaporire e poi sfumate col vino rosso.


Mettete la verza, aggiungete mezzo bicchiere di acqua, coprite e lasciatela appassire.


Salate e pepate, mescolate ogni tanto aggiungendo se c'è bisogno pò di acqua calda e lasciate cuocere circa 45 minuti.


Prendete delle cocotte, passate uno spicchio d'aglio al loro interno per insaporire le pareti,


Mettete lo spezzatino nelle cocotte


e distribuite abbondante formaggio grattugiato.

Coprite con le fette di patata, salate, pepate e aggiungete un filo d'olio EVO.


Infornate 10 minuti a 200 gradi per amalgamare i sapori.


Buon appetito!


Con questa ricetta partecipo al WHB #315 ospitato da Brii del blog 'Briggishomme'



Grazie a 
 Kalyn di Kalyn’s Kitchen

11 commenti:

  1. ma ciao!! tanti auguri cara Kri :)
    ma che bella che sei nella foto!! e che bel lavoro avete fatto per la befana! complimenti, queste feste son sempre belle da vivere :) la ricetta è bellissima, mi colpisce che passi lo spicchio di aglio nelle pareti! è una bella idea in modo che si senta un profumo leggero ma non intrusivo!

    RispondiElimina
  2. che bella festa! Tantissimi auguri di buon anno!!!

    RispondiElimina
  3. Che bella tradizione e che bella ricetta, complimenti.
    Mandi

    RispondiElimina
  4. @Erica
    Il trucco dell'alio è vecchio, non lo conoscevi? felice di averti fatto scoprire una cosa nuova ^_^
    Sono contenta che hai apprezzato la nostra 'festa' e anche la 'vecia' sapessi quanto mi sono divertita a farla! Bacioni a presto Kri
    @Acquolina e Rosetta
    Grazie mille, un abbraccio Kri

    RispondiElimina
  5. Come mai porti il fazzoletto rosso in testa? :-D
    Noi quest'anno niente "Pignarul", soltanto dalla terrazza quello che fanno nel campo vicino casa. Di solito andavamo a Pagnacco ma sia ello che io eravamo ammalati..sarà per il prossimo anno, anche se pensano di vietare i pignarui per una questione di inquinamento, infatti l'aria rimane ammorbata per tutto il giorno dopo :-(
    Ciao, baci a Tolomeo :-)

    RispondiElimina
  6. @accantoalcamino
    Ehhh il fazzoletto rosso è per il freddo sai ho una certa età.. :D
    Mi spiace per il pinarul, da noi è il primo anno e spero che la tradizione rimanga per tanto tempo anche se non è propriamente nostra ma 'importata' dal vicino Friuli. Un bacione, ho visto Perla sul tuo blog, è stupenda, Tolomeo se ne innamorerebbe all'istante! ciao Kri

    RispondiElimina
  7. ciao! ^^
    passo per invitarti al mio bento contest

    http://japanthewonderland.blogspot.com/2012/01/bento-contest-special-valentines-day.html

    buona giornata! =)

    RispondiElimina
  8. Im here again to read you
    wonderful things

    buongiorno amica

    http://laracroft3.skynetblogs.be
    http://lunatic.skynetblogs.be

    RispondiElimina
  9. @sayuri
    Grazie! adoro i bento adesso vengo a dare un occhiata! Ciao Kri
    @Lalique
    Thank you darling, you have a very beautiful blogs. Bye bye Kri

    RispondiElimina
  10. Ciao Kri, buon proseguimento d'anno. Sai che pur vivendo a Trieste ingnoravo che al Villaggio fossero stati organizzati tutti questi festeggiamenti? Veramente una bellissima festa, adesso che lo so, magari ci faccio un salto l'anno prossimo. Ciao !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, magari il prossimo anno metto un post prima della festa così chi è della zona può organizzarsi. Buon anno anche a te e a presto, Kri

      Elimina