martedì 29 novembre 2011

7 links project anche per me


E' da un pò che gira per i blog questo 'giochino' che trovo interessantissimo inanzitutto perchè ci fà scartabellare il nostro blog riscoprendo ricette e post dimenticati,  poi perchè fa piacere leggere anche i post dei blog appena conosciuti magari trovando proprio le ricette che ci servivano e sopratutto conoscendo meglio le persone che abbiamo virtualmente di fronte.

Ringrazio Robjana per avermi girato il giochino, un abbraccio!

Cominciamo con..

IL POST IL CUI SUCCESSO MI HA SORPRESO

Il dolce dei 20 minuti 

Perchè ha solo 3 ingredienti, si fà velocemente e il web è pieno di questi dolci veloci, eppure è piaciuto molto!


IL POST PIU' BELLO


Beh questo è il post che amo di più perchè parla del posto dove abito. Io e mio marito abbiamo fortemente voluto venire a star qui, abbiamo cercato per due anni una casetta adatta alle nostre esigenze. E in questo tempo ci siamo integrati  benissimo nell'ambiente sociale, grazie anche alle persone stupende che ci hanno accolto con simpatia.


IL POST PIU' POPOLARE


Questo contest mi ha portato molti nuovi 'followers' e anche nuovi amici, ho avuto un successo che non credevo, mi sono divertita molto a scegliere i vincitori assieme a mio marito. E'stato davvero emozionante arrivare alla fine, ringrazio ancora tutti.


IL POST CHE NON HA AVUTO IL SUCCESSO CHE MERITAVA


Qui mi sono davvero impegnata, ho fatto il video del casaro, l'ho montato (ci ho messo un bel pò di ore visto che non me ne intendo di queste cose) mi sono informata di come si 'crea' il Montasio, ho persino cotto il più bel (e buono) Frico che abbia mai fatto in vita mia.
Peccato che il post è passato un pò in sordina. In ogni caso questo è il tipo di post che mi piacerebbe scrivere più spesso, con informazioni sulle materie prime e se possibile con video esplicativi. 


IL POST PIU' CONTROVERSO


Mah non saprei, io non ho mai scatenato dibattiti nè lunghe discussioni. Potrei dire che questo post è stato controverso per me, è stato il primo post che ho scritto dopo 'la crisi da foodblogger' che ho avuto. La ricetta è bella e quindi ve lo ripropongo.


IL POST PIU' UTILE


Il post più utile non per noi ma per i nostri amici con le ali, grazie a Luby che mi ha insegnato come fare una mangiatoia per uccelli. Adesso l'ho sostituita con una vera casetta di legno ma per un pò, questa geniale mangiatoia, è stata fonte di nutrimento e riposo per molti uccellini. 



IL POST DEL QUALE VADO PIU' FIERA


Intanto perchè ho passato tutta la giornata a fare ben tre ricette con la zucca, un ortaggio che all'epoca conoscevo pochissimo e non sapevo bene come trattare, poi perchè mi è stato chiesto di inserire la ricetta del ciambellone  nel sito 'Khorasan Kamut®'. E' stata la prima volta che ricevevo un 'feedback' da un sito commerciale e mi sono sentita molto fiera! E ancora oggi ricevo molte visite al post, grazie!


Bene credo di aver detto tutto, ora dovrei passare il giochino ad altri foodbloggers, il fatto è che le persone a cui volevo passare 'la palla' hanno già scritto i loro '7 links'.
Allora passo il giochino a tutti quelli che leggeranno questo post e vogliono cimentarsi col '7 links project'

PS: Cosa centra Tolomeo in questo post?? niente ma è talmente bello che gli concedo un angolino nel blog ogni tanto... 

venerdì 25 novembre 2011

WHB #311 - Zuppa gratinata di zucca, cavolo nero e farro


Buon compleanno WHB italian version!


Come ci racconta Brii, organizzatrice italiana del Weekend herb blogging, con questa edizione si festeggia il primo anno della versione italiana della raccolta che tanto appassiona il mondo delle foodblogger di tutto il mondo.

Ricordo la mia prima partecipazione, proposi i 'Cannelloni alle erbette di campo' una ricetta semplice ma che mi riempì di emozione. Non meno emozionante fu la prima volta che ospitai il WHB, timorosa e dubbiosa, ma con il sostegno di Brii andò tutto bene e il raccolto fu soddisfacente!

Questa iniziativa mi ha dato tanto, ho imparato nuove ricette, ho conosciuto persone simpatiche e ho scoperto nuovi blog.
E' diventata per me talmente un abitudine che, davanti a un libro di cucina o seguendo una ricetta trasmessa alla tv mi ritrovo a pensare 'questa ricetta sarebbe perfetta per il WHB'... eh si, ormai è proprio una malattia!

Questa settimana voglio festeggiare proponendovi una ricetta che a me è piaciuta moltissimo, l'ho proprio 'inventata' davanti al banco dell'ortolano, ho pensato di unire la dolcezza della zucca all'aroma inconfondibile del cavolo nero e per rendere questa zuppa un piatto completo ci ho aggiunto uno dei miei cereali preferiti, il farro.


Ma ecco la ricetta per 3/4 porzioni

- Una grossa fetta di zucca
- Mezzo cespo di cavolo nero
- Mezza cipolla bianca
- 250 gr di farro
- abbondante formaggio grattugiato
- sale, olio EVO

Iniziate tritando la cipolla e rosolandola nell'olio EVO


Aggiungete il farro sciacquato sott'acqua, fate tostare bene con la cipolla


Aggiungete la zucca tagliata a pezzi e il cavolo nero ben lavato e tagliato a strisce.


Fate insaporire il tutto per qualche minuto mescolando bene.
Aggiungere acqua calda fino a coprire le verdure.


Coprire col coperchio e portare a bollore, abbassate la fiamma e spostate un pò il coperchio per far uscire il vapore.Cuocete per 30 minuti.


Trasferite la zuppa in cocotte individuali che possano andare in forno. Spolverate la superficie con abbondante formaggio grattugiato e infornate sotto al grill alla massima temperatura finchè il formaggio fonde e si colora. (controllate spesso perchè bastano pochi minuti)


Servite subito.


Mai come questa settimana mi sembra doveroso e opportuno ringraziare chi ha inventato e chi organizza e segue settimana dopo settimana questa fantastica iniziativa:



sabato 19 novembre 2011

WHB #310 - Sformatino di topinambur e porro su purè di lenticchie


E' un tubero strano, vagamente esotico ma in realtà molto mediterraneo, ha una consistenza croccante e un sapore che ricorda vagamente il carciofo, a vederlo sembra un ibrido tra la patata rossa e lo zenzero, è IL TOPINAMBUR!
La parte aerea della pianta si chiama Elianto e sicuramente l'avrete vista tutti... Avete presente quelle belle margheritone gialle, a stelo lungo, che si vedono spesso nei fossati o lungo le coltivazioni? ecco è quella, la parte sotteranea, cioè la radice di quelle margherite, è il topinambur.
Il topinambur è molto nutriente, ha proprietà digestive e depurative ed è ricco di sali minerali.
Non contene amido ma inulina quindi è molto indicato nella dieta dei diabetici.
Si può piantare nel giardino senza problemi perchè è una pianta infestante e non ha bisogno di cure, anzi sarà difficile liberarsene perchè si moltiplica 'intensamente'.      

Ma ora basta chiacchiere ed ecco la ricetta: Sformatino di topinambur e porro su purè di lenticchie


Per 6 sformatini

- 300 gr di topinambur (da puliti)
- 1 porro
- 3 cucchiai di formaggio grattugiato
- 4 cucchiai di farina
- 2 uova
- sale, erba cipollina secca
- Olio EVO


Per il purè di lenticchie

- 1 scatola di lenticchie precotte
- mezza cipolla dorata
- pepe, sale
- olio EVO
- poco brodo (anche di dado)

Lavare e tagliare a rondelle la parte bianca del porro. Pulire, pelare e tagliare a pezzetti il topinambur.


Rosolare il porro e il topinambur in olio evo, salare e profumare con l'erba cipollina.


Quando il tutto è rosolato aggiungere un goccio d'acqua, incoperchiare e far stufare.
Quando la verdura è cotta spegnate il fuoco e fate raffreddare, nel frattempo preparare il purè di lenticchie facendo insaporire in un filo di olio EVO le lenticchie sgocciolate dal loro liquido con la cipolla tritata.


Fate cuocere 10 minuti.


Frullate il tutto eventualmente aiutando la fluidità aggiungendo pochissimo brodo, aggiustate di sale e pepe. Tenete da parte.


Mettete nel boccale del mixer con la lama, il misto di porro e topinambur, le uova, il formaggio, la farina e il sale.


Tritate finemente ottenendo una pastella liscia.


Versate la pastella ottenuta nello stampo da sformatini (o muffin)


Ponete lo stampo in una teglia con due dita di acqua.


Cuocete a bagnomaria nel forno per 25 minuti a 180 gradi. Provate la cottura degli sformatini con lo stecchino ed eventualmente lasciare ancora 5 minuti a cuocere.


Impiattate versando un 'mucchietto' di purè di lenticchie nel centro del piatto e adagiare sopra uno sformatino.


EDIT: Mi è stato chiesto gentilmente di aggiungere questa ricetta al contest della 'Lenticchia Pedina', lo faccio volentieri, grazie dell'invito!



martedì 15 novembre 2011

Profumi d'autunno - Rigatoni con lenticchie, cicoria e pancetta croccante


Vi siete mai accorti che l'autunno profuma??  L'altro giorno, verso le 4 del pomeriggio sono uscita a fare una mini passeggiata fra le vie del Villaggio. Ho sentito subito il profumo di legna bruciata proveniente dal camino della casa di una mia vicina poi inoltrandomi nella stradina del 'Villaggio vecchio' ho sentito odore di foglie secche calpestate, che può sembrare quasi sgradevole ma è caratteristico di un autunno inoltrato. Un pò più in là, verso la sala parrocchiale si sentiva odore di castagne arrosto... mmhh che buone, ero quasi tentata di seguire quel profumo per vedere chi era il fortunato che si stava scaldando mani e stomaco con le caldarroste.
Nel giardino di una casetta c'era una signora che conosco che mi ha invitato a prendere il caffè e appena entrata in casa sono stata accolta dal profumo di minestra, un bel minestrone ricco di verdure autunnali. Ovviamente ho infilato subito il naso in quel 'vapore' riconoscendo verza, cipolla, fagioli e magari patate... ah cosa avrei dato per un piatto di quei 'profumi'!
E voi ditemi, qual'è il profumo autunnale che vi piace di più??

E a proposito di autunno e prodotti di stagione, oggi vorrei presentarvi un primo piatto che utilizza le lenticchie come condimento. In questo periodo stò sperimentando le 'miscele' di sapori quindi ho utilizzato la cicoria per l'amaro, la lenticchia per il dolce e la pancetta per il croccante/salato.


Per 4 persone:

1 scatola di lenticchie precotte
mezzo cespo di cicoria
150 gr di pancetta affumicata tagliata a bastoncini o a cubetti
320 gr di rigatoni o mezze maniche
1 spicchio d'aglio
2 filetti di acciuga sott'olio
olio EVO
sale e pepe

Mettete a bollire l'acqua per la pasta, Pulite, lavate e tagliate a pezzi di circa 4 cm la cicoria. Nel frattempo rosolate in olio EVO i filetti di acciuga e lo spicchio d'aglio tagliato a metà e privato del germe.
Quando l'acciuga si sarà 'sciolta' nell'olio togliete l'aglio e mettete la cicoria nella padella.


Fatela rosolare bene.


Aggiungete un poco di acqua calda e coprite, fatela stufare per almeno 15 minuti.


Quando la cicoria è cotta ma ancora croccante, aggiungete le lenticchie sgocciolate del loro liquido.


Mescolate, coprite ancora e lasciate ben amalgamare per 10 minuti a fuoco medio mescolando ogni tanto.
Tenete d'occhio il sugo perchè è pronto quando le lenticchie cominceranno a sfaldarsi e a fare una purea.
Regolate di sale e pepe ma tenetevi leggeri perchè alla fine dovrete aggiungere la pancetta.



Fate rosolare bene la pancetta in un padellino antiaderente affinchè diventi molto croccante e rilasci tutto il grasso.


Scolate la pasta piuttosto al dente tenendo da parte poca acqua di cottura. Fatela saltare nella padella col condimento aggiungendo se necessario, l'acqua di cottura.


Impiattate e aggiungete la pancetta croccante e un pò del suo olio.


Con questa ricetta partecipo al contest della 'Lenticchia Pedina'




domenica 13 novembre 2011

WHB #309 - Il raccolto

Eccoci arrivati a lunedì, un altra settimana è volata e ora sono pronta al raccolto, questa settimana ci sono ricette semplici ma che riescono a stupire e a 'fare pranzo' senza troppa fatica.

Partirei subitissimo con la prima ricetta arrivata, quella di Simona di Prato del blog 'Simona's Kitchen'. I suoi 'Sformatini bicolori' a base di patate e spinaci, sono un bel modo per far mangiare la verdura ai bimbi visto il loro simpatico aspetto ma sono ottimi anche come contorno o antipasto. Questi sicuramente li proverò!


La seconda ricetta è di Benedetta, del blog 'Fashion Flavors'. Benedetta ci fà un 'ode al sedano' dandoci una ricetta golosissima e illustrando pregi e virtù di questo ortaggio. Brava Benedetta! Ecco i suoi 'Cucchiai di sedano con crema di ricotta e noci'.


La prossima ricetta me la mandano un trio di ragazze tuttopepe! Annarita, Branka e Conchita dall'isola d'Ischia hanno un blog molto carino, 'Fragoliva' e hanno mandato una ricetta che mi piace moltissimo ed è perfetta per il periodo autunnale, 'Zuppa di verza', semplice ma di grande gusto!



Cristina del blog 'La cucina di Cristina' ci manda una ricetta addirittura in tre lingue, italiano, rumeno e inglese. Il suo 'Sformato di cavolfiore al formaggio' è eccezionale, provatelo!



La prossima ricetta è di Elena da Piacenza, del blog 'Zibaldone culinario'. La ricetta è sfiziosissima, un modo diverso e semplice di mangiare le patate, infatti il titolo del piatto è 'Jacket Potatoes'. Elena ci racconta anche della festa inglese in qui si usa mangiare queste patate. Eccole!


E come ogni settimana ecco la ricetta della cara Brii, del blog 'briggishome', la nostra organizzatrice italiana del WHB!  Questa settimana Brii si è dedicata alle decorazioni autunnali del suo cancello ma ha anche fatto un chutney delizioso, il 'Chutney alla barbabietola'. Gnamm!


La ricetta di Cinzia del blog 'Cindystar' ha rischiato di non essere pubblicata per colpa della mia casella mail che se l'è mangiata... ti credo è così buona! Ecco il suo 'Gattò di patate' con tante scuse da parte mia.



E infine la mia ricetta che utilizza solo verdure autunnali e quindi zucca, porro e radicchio rosso. Ecco la mia 'Torta salata autunnale' spero che vi piaccia!


Ringrazio con affetto tutti i partecipanti a questo raccolto che è vario e gustoso, e come sempre ringrazio anche la fondatrice e le oranizzatrici di questa iniziativa:

Kalyn del blog Kalyn's Kitchen
Brii del blog Briggishome
Al prossimo WHB!