lunedì 16 gennaio 2012

Comford food - Pasta e patate a modo mio


Mai come in questo momento dell'anno si sente il bisogno del cosiddetto 'comford food' cioè cibo che dà conforto. Sarà il freddo, sarà il periodo post feste che ci lascia un pò 'svuotati', complice magari una leggera influenzina ed ecco che scatta il bisogno di un cibo che riscaldi e che soddisfi anima e corpo.
Il mio comfort food preferito è la minestra, sopratutto quella di cereali o legumi, e che sia bollente!
Anche la polenta o il brodo sono per me molto 'confortevoli' e da ieri anche questa pasta che oltre ad essermi piaciuta molto mi ha anche lasciato una piacevole sensazione di un 'caldo abbraccio' allo stomaco.
Ricordo che sia mia mamma che mia nonna hanno sempre sostenuto il motto 'mai pasta con patate nè pane con polenta' e quindi non ho mai sentito la necessità di provare questo piatto.
Poi ho letto per caso la ricetta su internet, ho fatto una ricerca e ho trovato varie versioni così mi è venuta voglia di provare.
Ho preso un pò quì e un pò là e mi sono inventata questa ricetta.


Pasta e patate a modo mio

Ingredienti per 2 persone
- 140 gr di pasta piccola (ditalini, sedanini, anche pasta mista spezzettata se vi piace)
- due patate medie
- 100 gr di prosciutto cotto in una sola fetta
- trito di cipolla, sedano e carota
- un cucchiaio di triplo concentrato di pomodoro
- sale, pepe, olio EVO
- brodo vegetale o acqua bollente qb (almeno mezzo litro)

Riducete a dadini piccoli il prosciutto, unitelo al trito di verdure e fate rosolare il tutto in una padella con olio EVO.


Pelate, lavate e tagliate a dadini le patate, quando il trito è ben rosolato aggiungetele nella padella. Fatele insaporire per qualche minuto.


Aggiungete il triplo concentrato di pomodoro due mestoli di brodo o acqua bollente (vi conviene tenere un pentolino col brodo o acqua sul fuoco molto basso così resta a temperatura giusta).


Mescolate affinche il concentrato si sciolga bene, coprite e fate cuocere per 15 minuti.


Controllate la cottura delle patate, devono essere ancora al dente, aggiungete la pasta e altri due mestoli di brodo/acqua.


Salate, coprite e fate cuocere per altri 15 minuti circa, mescolate di tanto in tanto aggiungendo eventualmente altro liquido.


Quando la pasta è cotta avete due possibilità, lasciare la preparazione un pò brodosa o alzare il fuoco e far asciugare il liquido in eccesso. Io ho preferito tenerla più umida perchè le patate tendono ad 'inspessire' il condimento facendo 'ammappare' :-D la pasta.


Servite caldissimo con una abbondante macinata di pepe.


Buon appetito!


8 commenti:

  1. anche a casa mia si sostenevano le stesse cose, ma ogni tanto si faceva un'ecezione per la paste e patate che è buonissima vero? Un bacione Kri e buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buonissima, proprio non credevo! la rifarò senz'altro. Bacii Kri

      Elimina
  2. Gustosa con il prosciutto cotto, un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una piccola 'aggiuntina' per dare un pizzico di sapore. Grazie, ciao Kri

      Elimina
  3. che coincidenza! l'ho mangiata domenica da mio cognato napoletano! che buona, mi piace anche la tua versiona personalizzata! :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh sicuro la sua era più buona, visto che è proprio un piatto tradizionale partenopeo. Un bacione Kri

      Elimina
  4. ciao, passo ad invitarti al mio contest a premi che ha come tema i legumi. Mi farebbe piacere la tua partecipazione se ti va. Ti lascio il regolamento e sono a tua disposizione per qualsiasi cosa:) Un abbraccio. Martina.
    Legami e Legumi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, passo da te allora, ciao Kri

      Elimina