lunedì 20 febbraio 2012

Abbecedario culinario della Comunità Europea: 'Slovenia' - Sarme


Le sarme o sarmale sono un piatto che è presente in tutti i Balcani, con ricette più o meno modificate si trovano dalla Slovenia, Croazia, Bosnia, Romania fino a da arrivare alla Grecia che stravolge quasi del tutto la ricetta  usando la foglia di vite e la salsa allo yogurth.
Gli ingredienti principali sono il cavolo cappuccio in salamoia (crauti), la carne mista trita (in alcuni paesi senza maiale) e il riso.

La ricetta che vi presento io me l'ha passata una amica originaria della Slovenia, sarà sicuramente diversa da quella che usano in altri paesi dell'Est anzi se conoscete voi delle varianti mi farebbe piacere conoscerle e poi provarle.

Purtroppo non ho trovato i crauti a foglia intera, qui si trovano solo quelli affettati, se avrò l'occasione di andare oltre confine li comprerò perchè è chiaro che non è una differenza da poco usare i cappucci freschi o quelli in salamoia. Esiste un procedimento 'casalingo' per preparare i crauti ma non ho mai provato...
Quindi ho usato il cavolo cappuccio fresco.


Per due persone (abbondante)

- le foglie esterne di un cavolo cappuccio (circa 10)
- mezza cipolla bianca
- tre pugni di riso
- 250 gr di carne mista tritata
- due cucchiai di passata di pomodoro
- uno spicchio d'aglio
- sale, pepe, olio EVO

Sfogliate il cappuccio, lavate le foglie.


Sbollentate le foglie in acqua salata.


Lasciatele raffreddare,


nel frattempo tritate la cipolla e fatela rosolare nel olio.


Unite il riso, fatelo tostare.


Aggiungete mezzo bicchiere di acqua calda e iniziate la cottura del riso. Fate consumare l'acqua a fuoco alto. La cottura del riso deve durare solo 5 minuti.


In una terrina mettete la carne trita, l'uovo, il riso, sale e pepe.


Mescolate bene.



Farcite le foglie con l'impasto formando degli involtini, fermateli con uno stuzzicadente.



Fate rosolare lo spicchio d'aglio tritato in olio EVO.


Aggiungete gli avanzi e i rifili delle foglie di cavolo cappuccio. adagiate sopra gli involtini.


Aggiungete la passata di pomodoro diluita in una tazza di acqua calda.


Salare, incoperchiare la pentola e far cuocere per un ora e mezza a fuoco basso.


Girate ogni tanto gli involtini con molta delicatezza ed eventualmente aggiungete poca acqua se il sugo si stà troppo asciugando.



Ecco le mie sarme, servitele con la polenta che va benissimo!




Partecipo anche all'Abbecedario culinario della comunità europea organizzato dalla Trattoria MuVaRa e ospitato da me per la Nazione Slovenia.





12 commenti:

  1. Ciao "cocola" :-D ieri con ello siamo stati in Yugo a fare benzina:1,3 rispetto a 1,7 €uri in Italia, l'Hofer è aperto fino alle 15, ho visto icappucci già pronti per le Sarme, ora che mi hai illuminata la prossima volta lwe metto nel carrello..le adoro ;-) Un baseto..e..menomalchedovevanevigar ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meno mal che no neviga... (però qualche fiocchetto lo desidero..) Ho visto la ricetta delle fritole, mi stò attrezzando eh!
      50 cent di differenza la benzina in Yugo?? Evviva la benzina slovena!!! Con la crisi che abbiamo... un bacione Kri

      Elimina
  2. mi piacciono le ricette nuove, e questa è molto stuzzicante! direi che può essere un piatto unico completo e gustoso!
    bacioni :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si guarda con la polenta ti riempie e ti soddisfa quindi un bel piatto unico ^^ bacioni Kri

      Elimina
  3. brava.. tutto spiegato passo a passo così bene! e che buoni anche!!

    RispondiElimina
  4. La preparazione molto simile al sarma che si fa nel mio paese nativo, La Macedonia che confina con la Grecia! Complimenti! Quando pubblico la mia variante del sarma ti faccio sapere, cosi vedrai un altra preparazione di questo piatto molto gustoso!Buona serata, ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie avrei proprio piacere di conoscere altre versioni. Buona giornata Kri

      Elimina
  5. conoscevo un piatto simile ma serbo con il ripieno un pò più speziato. un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Infatti ci sono molte versioni. Un bacione Kri

      Elimina
  6. Ciao Cristina..non allarmarti per il mio post di oggi..sono viva e vegeta (mannaggia per "qualcuno" ;-) ) ma volevo condividere qualcosa di importante....bacione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho appena letto, penso che condividerò anche io, bisogna che certe leggerezze non passino in silenzio, si gioca davvero sulla pelle della gente... incredibile! bacioni Kri

      Elimina