martedì 3 aprile 2012

Un dolce semplice per il Piemonte - Torta de San Pedar (torta de pan e lacc)


Come promesso ecco la seconda ricetta per il Piemonte. Il nostro 'Abbecedario culinario d'Italia' organizzato dalla Trattoria Muvara arriva in questa splendida regione e viene ospitato da CookingStefy.

Quel che non vi ho detto nel post precedente è che io in Piemonte ci ho vissuto, ebbene si, i primi sei anni della mia vita. Più precisamente a Torino dove mio padre è stato mandato per lavoro e dove mia madre e io lo abbiamo seguito. Beh io non ne ero molto consapevole visto che avevo pochi mesi quando ci trasferimmo. La prima elementare la frequentai proprio a Torino e ancora oggi, quando parlo in italiano in qualche momento si sente una vaga cadenza piemontese...

Torino è una città bellissima, anche se sono tanti anni che manco, ricordo l'ultima volta che ci sono tornata, ero ragazza, ho rivisto il parco del Valentino, la Mole Antonelliana e il bellissimo museo Egizio... e tante altre meraviglie che non stò a elencare. E, nonostante non segua il calcio, come non citare la squadra del cuore di mio padre: la Juventus!

Spero di tornare un giorno a Torino per ritrovare qui luoghi che ho conosciuto da bambina e che ora vedo solo quando sfoglio gli album fotografici di famiglia.

Passiamo alla ricetta, per scacciare la malinconia. Il dolce che vi presento è semplice, di veloce esecuzione e sopratutto buonissimo! Ah dimenticavo, è pure economico/ecologico visto che si usa il pane raffermo per farlo!
Ecco la torta de San Pedar (San Pietro) detta anche torta de pan e lacc (pane e latte)


Ingredienti per una tortina piccola

- 150 di pane raffermo (io ho usato una pagnottella che ho fatto ieri con manitoba e semola rimacinata)
- 50 gr di burro
- 150 gr di zucchero
- mezzo litro di latte
- due uova piccole
- uvetta a piacere
- scorza di limone grattugiata
- un cucchiaio abbondante di rum o altro liquore secco
- cannella a piacere
- un pizzico di sale

Inanzitutto sbriciolare il pane e coprirlo col latte. Lasciarlo riposare per un oretta mescolando ogni tanto affinchè il pane assorba bene il latte.


Riprendere il pane e mescolarlo ancora per ridurlo a 'pappa' eliminare con un cucchiaio il latte in eccesso.


Aggiungere tutti gli altri ingredienti. L'uvetta deve venire preventivamente ammollata in acqua tiepida per qualche minuto, strizzata e aggiunta all'impasto.


Mescolare molto accuratamente.


Versare in uno stampo da forno.


Infornare a 160 gradi in forno caldo e cuocere per un ora.


Lasciar raffreddare nello stampo. Sformare e servire anche tiepida.


Alla prossima regione!

D come ... Dove la trovate una torta così buona???



----------------------------------------------------------------
La primavera avanza, avete visto che bellissima azalea japonica che ho? Tra poco trapianto le erbe aromatiche preparatevi a un post sul mio orticello casalingo.




6 commenti:

  1. Ha un aspetto magnifico questa torta che viene da una ricetta povera... e il micio alle prese con la zanzariera è simpaticissimo!

    RispondiElimina
  2. Mi piacciono le ricette tradizionali e del recupero, non sapevo che questa fosse una ricetta tradizionale piemontese...la trovo molto buona!!

    ciao loredana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo che tutte le regioni abbiano una o più ricette per riciclare il pane avanzato, il detto è 'il pane non si butta mai!' comunque questa torta è davvero buonissima. baci Kri

      Elimina
  3. Ciao Sister, sembra davvero buona questa ricetta, la voglio provare e.......fai uscire Tolomeo Dai!!!

    Baciiii
    Catia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nooo Tolomeo rimane chiusgo visto l'ultimo spavento che mi ha fatto prendere quando è uscito... ciao sister un bacione Kri

      Elimina